Furueru

Molti kenshi, volenti o nolenti, hanno familiarizzato nel tempo con alcuni termini giapponesi. Diciamo che in media un centinaio, se non di più, di vocaboli li conosciamo tutti.

A Edimburgo però – eh si, ancora strascichi del seminario di Edimburgo – mi è arrivata tra capo e collo una parola nuova:

震える  FURUERU

Cosa c’è prima del Semé? – chiede il sensei.

Volti bianchi e risposte di fantasia, alcune anche parecchio ilari.

Ok. Proviamoci materialmente. Mettevi in due e fate jigeiko. – continua e dopo una decina di secondi interrompe l’azione. Cosa state facendo?

Beh, nulla ancora nulla, ci stiamo studiando. Ancora nulla. – risponde uno dei due kendoka.

Per nulla, nulla. – sorride il sensei – Voi state facendo qualcosa. Voi state tastando il terrerno, uno shinai contro l’altro, le tenete in contatto, cercate di sentire, di capire, percepire. Questo strofinio di shinai è furueru. Furueru è tener viva la spada, essere capaci di percepire e di trasmettere attraverso essa. Se non c’è furueru la spada e morta, voi non sentite nulla e potete solo agire a caso, alla cieca. In tal caso la probabilità di non riuscire è altissima.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...